I nostri amici spagnoli hanno realizzato questo fantastico logo della campagna che si terrà per 4 venerdì di fila. Vi lasciamo la storia della campagna, speriamo che vi piaccia.

Sinossi Infernus Takistan, Afghanistan.

Aprile 2013

Gli Stati Uniti si ritirano dall’Afghanistan, lasciando l’esercito europeo da solo nella regione di Takistan (nel resto del paese ci sono ancora inglesi, francesi e alcuni altri paesi membri della NATO).

Giugno 2013

Secondo la decisione del Parlamento europeo, l’Unione europea decide di creare una nuova task force congiunta europea, Inghilterra e Francia si astengono dall’adesione, con la scusa di non compromettere relazioni già deboli tra gli Stati Uniti e l’Unione europea (UE) . Germania, Italia e Spagna continuano, con la decisione del Parlamento, e in larga misura dalla già così ampia presenza di un gran numero di soldati di questi 3 paesi in Afghanistan dalla precedente Operazione (Enduring Freedom) che aveva guidato il Stati Uniti fino al suo totale ritiro lasciando l’esercito afgano e la polizia completamente soli. Gli ufficiali europei dei tre eserciti non tolleravano qualcosa di così disumano e poco professionale!

Luglio 2013

Il nuovo JTFE si chiamerà GERESPITA-FOR, facendo questo riferimento alle iniziali di ciascun paese in inglese. La sede di GERESPITA-FOR sarà a Basilea (Svizzera). È composto dal 7Armee della Bundeswehr tedesca, dal KDII dell’esercito spagnolo e dal 4 °. S.O.G. Quest’ultima è una delle unità elite dell’esercito italiano.

Agosto 2013

Il GERESPITA-FOR viene inviato a Takistan (regione appartenente all’Afghanistan). Sotto il comando della “tripla intesa”, furono creati due settori nella regione, il settore settentrionale (SeNo) controllato da Spagna e Italia e il settore meridionale (SeSu) appartenente al tedesco BW (7Armee).

14 settembre 2013

-GERESPITA-FOR ha la missione di proteggere la città di Garmsar dopo essere stata attaccata ieri da truppe ancora sconosciute. L’intelligence ritiene che l’autorità di questo brutale attacco sia dell’ISIL, sebbene con il gran numero di milizie jihadiste e gruppi ribelli nella regione, complicano il lavoro di intelligence, dal momento che questi gruppi e milizie di solito usano la stessa attrezzatura fino a quando non combattono insieme. (I nostri Generali dubitano di quest’ultimo fatto ed è convinto che l’ISIL sia dietro l’attacco, a causa della sua efficacia e del suo rapido successo).

-Quando le 7 truppe armate lasciano la loro base sud, le truppe della KDII partiranno da nord verso Garmsar. Prima di arrivare a Garmsar, sarà necessario montare un Checkpoint all’incrocio che porta a Garmsar, al fine di evitare che i civili entrino nell’area ed evitare possibili rinforzi nemici dalla parte posteriore.
Tutte le altre truppe dovranno entrare nella valle, raggiungere la città, localizzare il nemico e liberare la città.

    Informazioni importanti sull’operazione I:

L’operazione si chiamerà Operazione Mumakil.
L’Alto Comando di Basilea ci ha dato il chiaro ordine di recuperare i veicoli catturati dalla polizia afgana in una base situata vicino a Garmsar. Sono una priorità assoluta, in quanto sono molto utili per le truppe afghane per la loro eterna lotta contro il terrorismo, nonché per le minacce della regione instabile (i governi europei hanno speso milioni per finanziare l’esercito e la polizia afgana) .

——————————————————————————————————-

18. settembre 2013.

Con la mancanza di progressi nella regione e il malcontento della popolazione civile, le Miliche settentrionali di Takistan orchestrarono un colpo di stato, ottenendo così l’indipendenza dell’ex regione appartenente all’Afghanistan e diventando uno stato indipendente, chiamato Takistaniland .
L’esercito afgano non è riuscito a respingere le milizie a causa della loro bassissima preparazione militare, scarsa armamento e scarsa presenza nella regione, lasciando le truppe GERESPITA-FOR vulnerabili agli attacchi di più milizie jihadiste locali. Queste milizie hanno mostrato rispetto per la presenza straniera e fino ad oggi non hanno attaccato le truppe GERESPITA o i loro collaboratori, lasciando così la porta aperta per un futuro incontro per i governi di queste truppe.

20. settembre 2013.

Dopo incontri lunghi e difficili tra i rappresentanti del nuovo governo di Takistan e rappresentanti dell’UE, accompagnati da rappresentanti delle Nazioni Unite, hanno concordato un cessate il fuoco e il ritiro e la chiusura di SeNo. Le truppe dispiegate nel SeNo sono state spostate nel SeSu, prendendo le milizie locali, controllando l’aeroporto e costringendo un rapido ritiro delle truppe europee.
La zona meridionale di Takistan non è stata ancora conquistata dal nuovo governo dalla catena montuosa che ostacola sia le operazioni militari che il loro sfollamento.
Il governo afgano ha reagito schierando truppe dalla sua armata e polizia al passo Naran Darre ad est e al passo Sar-e Sang ad ovest, chiudendo anche il passo
di Darbang.
Esiste ancora il rischio che le truppe di Takistan attaccino le posizioni afghane sulle orme di Naran Darre e Sar-e Sang. Nel caso in cui ciò accada, i nostri governi ci darebbero il permesso di fornire il nostro supporto militare e logistico alle truppe afghane, per i nostri impegni con il paese che abbiamo firmato dopo la creazione di GERESPITA-FOR.

Operazione Hidden (sotto copertura).

il 4o. S.O.G. schierato a Takistan, effettuerà un’operazione riservata in Takistaniland.
[I dettagli dell’operazione non sono disponibili, solo gli ufficiali di grado sufficiente hanno accesso alle informazioni necessarie e, se necessario, sarà loro compito informare le loro truppe.]
il 4o. S.O.G., dovrai mimetizzarti con l’ambiente circostante e prepararti, per partire verso nord dell’aeroporto (vecchio SeNo) e arrivare al quartier generale del presidente di Takistaniland, appena nominato. Mhoammar Farad Aidid.
Dopo il ritiro dei VIP, dovranno mobilitarsi verso South Bastam e proteggere i VIP per una manifestazione politica nella nuova capitale del Takistaniland.

Esiste un alto rischio di attacchi, così come un attacco da parte di milizie rivali, o anche dell’ISIS, dopo aver dichiarato Takistaniland un paese di infedeli, tentando così l’ISIS affinché il governo afgano rompa con i governi europei e si avvicini loro, dando così riparo e aiuto ai loro combattenti.

In caso di emergenza, le truppe della GERESPITA-FOR dovranno mobilitarsi ed entrare nel territorio di Takistan e raggiungere le truppe del 4 °. S.O.G. per dare loro l’aiuto necessario.

IMPORTANTE:
-Il VIP deve sopravvivere, in modo che i nostri governi possano negoziare con il governo Takistani in un modo più semplice e amichevole.
-In nessun caso le truppe GERESPITA possono accedere al territorio di Takistan, solo le truppe SeNo che continuano per problemi logistici finendo la raccolta di base possono attraversare il territorio di Takistan, sia via aerea che via terra, raggiungendo così il Sesu.
-Evitare danni collaterali, per guadagnare la reputazione dei civili e del presidente.